STUPRI FIRENZE, FIANI: “ERANO DUE ZOCCOLE”. QUINDI E’ ANCORA COLPA DELLE DONNE?

postato in: cristinaobber.it | 0

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Perché stupirsi se c’è chi parla delle due studentesse americane come di «duezoccole»? ‘Zoccola’, ‘troia’, ‘puttana’ e tutti i sinonimi di cui è ricca la nostra lingua sono parte essenziale del linguaggio patriarcale, sono punitivi della libertà femminile. È ‘zoccola’ colei che ha rapporti sessuali con chi e quando lo desidera, cioè colei che sceglie. Basta che preferisca un altro uomo per essere definita così. Non occorre che ne scelga tanti, cosa che sta comunque dentro la libertà di ogni donna esattamente come accade per i maschi. Anche nelle scuole mi è capitato di sentirmi spiegare che è lecito dare della ‘cagna’ a una … Continua

STUPRO FIRENZE: PERCHÈ LE DICHIARAZIONI DI NARDELLA SONO FUORI TEMA

postato in: cristinaobber.it | 0

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. A Firenze due studentesse americane hanno denunciato di essere state stuprate da due carabinieri che si erano offerti di accompagnarle a casa. Le notizie sono contrastanti: pare accertato che le ragazze si trovassero in stato di ebbrezza, ma uno dei due militari, il 45enne che ha raccontato di aver avuto un rapporto sessuale consensuale, dice di non essersi accorto che fossero ubriache. Eppure Libero scrive che le ragazze «barcollavano e non si reggevano in piedi» e io di Libero mi fido perché sui dettagli non scherza, tanto da aver pubblicato senza pudore i verbali sugli stupri di Rimini con dovizia di particolari su modalità … Continua

STUPRO: QUEI BRAVI RAGAZZI, FEROCI E MANSUETI

postato in: cristinaobber.it | 0

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Francesca Capaldo, capo sezione della polizia che ha interrogato gli stupratori di Rimini ha dichiarato in una intervista di essere rimasta impressionata dalla ferocia e dalla carica d’odioespressa durante la violenza da dei soggetti che, invece, durante gli interrogatori si sono mostrati ‘mansueti’. Di fronte alla ‘mansuetudine dello stupratore’ mi sono ricordata di tanti incontri con le assistenti sociali o le psicologhe che ho intervistato durante la stesura del libro Non lo faccio più mentre giravo l’Italia per capire come mai dei minorenni potessero compiere, così giovani, dei crimini tanto atroci. Alcune volte me li sentivo descrivere come dei ragazzetti che presi uno a uno … Continua

LO STUPRO NON HA COLORE

postato in: cristinaobber.it | 0

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Violenza contro le donne: l’estate non ci ha risparmiato la mattanza. Le testate e i social ne hanno scritto, non senza polemiche di contorno, come accade oramai anche se parli di découpage. Ma qui si tratta di vite cancellate, distrutte, violate. E allora cerchiamo di concentrarci su quello che conta. Partiamo dal caso di Abid Jee, un mediatore culturale che ha scritto su Facebook: «lo stupro è un atto peggio ma solo all’inizio: una volta si entra il pisello poi la donna diventa calma e si gode come un rapporto sessuale normale». Non si capisce se quell’impersonale «si gode» si riferisce a entrambi (e … Continua

1 2 3 4 5 6 52