ma cos’è il consenso?

pubblicato in: comunicazione, giovani, scuola, stupro | 2

Tiziana, 17 anni, ci segnala questo articolo che arriva dall’America, Ohio: “Se vogliamo prevenire gli adolescenti dall’essere stupratori, non possiamo più a lungo presumere che sappiano come. Dobbiamo     parlarne. Questa non è più un’opzione. Non è più abbastanza parlare ai nostri ragazzi dei meccanismi del sesso, probabilmente non lo è   stato mai.  Dobbiamo parlare del consenso, di cosa significa e di come essere certi di averlo. Dobbiamo insegnare chiaramente e con forza che, come dice Dianna E. Anderson, il consenso è un “sì” entusiasta ed    inequivocabile“. Ecco l’articolo da Lunanuvola’s blog.

Franca Viola

pubblicato in: giovani, legge, stupro | 0

Franca Viola è stata la prima donna italiana a rifiutare il matrimonio riparatore. Franca Viola ci ha insegnato che le leggi possono cambiare, che anche alla violenza delle istituzioni ci possiamo ribellare. Per questo ne ho parlato nel libro, perchè se le ragazze e i ragazzi alzano la voce, possono cambiarlo davvero, questo mondo. Per questo ho firmato la petizione, fatelo anche voi! Dal libro Non lo fccio più: Fino al 1981 il codice penale italiano, con l’art. 544 ammetteva ancora l’estinzione del reato di stupro in caso di matrimonio riparatore. -Se poi ti sposo, è come se non ti avessi stuprata, non ho commesso alcuna colpa, non ti ho violata-. Il pensiero va … Continued

un 8 marzo differente

pubblicato in: giovani | 0

Linda ha 25 anni e ci scrive che sogna un 8 marzo differente. “L’amore va oltre” cantava un famoso cantautore italiano. E’ una delle frasi sull’amore che preferisco. È talmente vera da emozionare. “L’amore va dentro le persone, sorprende, difende, rispetta ciò che fai, va oltre i muri che non passi, va oltre le porte chiuse in faccia”. Da questo pezzo trapela sicuramente l’idea vincente e rassicurante del sentimento. Oggi però ho ragionato sul significato che questa frase può assumere in varie situazioni. Tornando dallo sportello anti-violenza presso cui svolgo volontariato, il pensiero incessante va a quella donna che, con il collarino e le lacrime agli occhi, è venuta a … Continued