CARO KAMIKAZE, MIO FIGLIO È PIÙ LIBERO DI TE

Caro kamikaze, mio figlio compie 16 anni tra pochi giorni, ha proprio l’età dei tanti teenager che hai fatto saltare in aria al concerto di Manchester. Ti devi essere sentito proprio un gran figo mentre li immaginavi spappolarsi nell’aria per merito tuo, perché di merito ti hanno certamente parlato quelli che si sono presi quelle vite, e anche la tua, giusto? O forse eri terrorizzato ma da vigliacco fino in fondo hai avuto paura di tornare indietro.

Mio figlio sta crescendo bene, sa stare al mondo. Ed è anche uno di quelli che a scuola o dopo l’allenamento sportivo contesta una battuta razzista, una battuta nei tuoi confronti, che per alcuni rimani l’immigrato di merda ovunque tu sia nato e qualsiasi persona tu sia.

L’anno scorso, al corso di teatro del liceo, mio figlio ha interpretato un profugo in mezzo al mare e insieme ai suoi compagni ci ha raccontato la disperazione il coraggio e la dignità di tanti mussulmani che scappano dalla guerra e dal dolore. Da una continua tortura che qualcosa mi dice tu non abbia mai conosciuto come qualcosa mi dice che tu non abbia conosciuto nemmeno il coraggio, che ti hanno manipolato prima ancora che la vita ti desse l’occasione di scoprirlo, di metterti alla prova. Sì perché se pensi di essere stato coraggioso sappi che ti hanno ingannato, e di brutto. Non c’è gesto più vile di affrontare quello che consideri un nemico senza guardarlo negli occhi e ad armi impari. Soprattutto se ha 12 anni. Forse sei cresciuto infelice e con un gran risentimento nei confronti del mondo; se è così sarà stato facile per i tuoi burattinai trasformare quel risentimento in odio, e si devono essere fatti una bella ghignata quando hai detto «Lo faccio io». Ti hanno fregato caro kamikaze, ti hanno preso la cosa più preziosa, la libertà.

Mio figlio tra un mese andrà al suo primo concerto, se ne starà su un prato a ballare e cantare proprio come ballavano e cantavano quei ragazzini e quei bambini inglesi di cui oggi si raccolgono i resti in tanti lettini metallici d’obitorio.

Lo lascerò andare al concerto comunque, non mi farò condizionare dalla paura che ogni attentato ti catapulta addosso; e se salterà in aria lo farà da essere umano libero, libero nelle azioni, libero nelle scelte, libero nei sentimenti e nei pensieri. In una libertà che è il bene più grande che io e suo padre gli abbiamo regalato con la vita, e che tu non hai conosciuto. E di questo mi dispiace davvero per te.

Lettera che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle

 

Lascia un commento