Lo stato feroce, che però ti protegge dalla pioggia e dal vento.

pubblicato in: femminicidio, legge | 1

C’è qualcosa che accomuna alcune storie dolorose che riguardano questo paese. Qualcosa che mi è apparso particolarmente chiaro durante la conferenza stampa sulla vicenda Federico Barakat, ucciso dal padre durante un cosiddetto incontro protetto nei locali dei servizi sociali di San Donato Milanese, servizi sociali che la Cassazione ha ritenuto non responsabili della sua incolumità. E’ ogni volta insopportabile ritrovarsi di fronte alla violenza istituzionale, la più subdola e la più feroce. Feroce sì, perché tu cittadino ti ritrovi piccolo, un topolino di fronte a un leone fatto di connivenze e abusi di potere. Per chi non c’era credo sia interessante leggere alcuni stralci dell’incontro, come le parole con cui l’avvocato … Continued

20 novembre

pubblicato in: legge, pedofilia | 0

Oggi è la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. E io vi dico che il processo di appello a Catanzaro si è concluso. La sentenza non è ancora stata depositata ma dalla stampa locale sappiamo che la condanna è stata lievemente ridotta a 4 anni e sei mesi (anzichè 5 anni); pare che l’interdizione del Lamberti dai pubblici uffici sia stata ridotta -anzichè A vita – a 5 anni. Il che significherebbe che un impiegato dei servizi sociali che abusa di una bambina che gli è stata affidata, dopo 5 anni può riprendere il suo lavoro, rientrare nel suo ruolo, in nome dello stato. #notinmyname. Senza la copia della … Continued

Sonia.

pubblicato in: comunicazione, femminicidio, legge | 0

“Due mesi fa, la 42enne Sonia Trimboli, racconta un conoscente del palazzo di fronte, scappava insanguinata e trovava rifugio nell’androne di un condominio e nell’abbraccio di alcuni vicini, rapidi nel chiamare i soccorsi. Gli agenti avevano fermato Gianluca Gerardo Maggioncalda, il fidanzato coetaneo di lei. «La sera lui era già a casa».” (dal Corriere della sera) 1)Ora Sonia è un cadavere in un sacco di plastica. 2)Gianluca, con cui Sonia litigava e poi faceva la pace, e poi litigava e poi faceva la pace, l’ha strangolata. 3)Tutti nel condominio sapevano, tutti sentivano le urla. 4) Le forze dell’ordine non sono state in grado di difendere Sonia, di considerare Gianluca violento … Continued

il branco e tu

pubblicato in: giovani, legge, stupro | 0

Sentiamo e leggiamo notizie che parlano di violenze sessuali, di stupro e BRANCO. Non sempre ai ragazzi è chiara l’entità della responsabilità all’interno di un gruppo, perché nessuno la spiega, a casa come a scuola. A molti il gruppo sembra qualcosa di ASTRATTO in cui l’individuo si annulla, prende un’altra forma, e quindi anche la responsabilità individuale appare ridimensionata. Ma la responsabilità in un gruppo non è cosa astratta. Nel branco c’è una somma di responsabilità individuali che amplifica l’effetto dell’azione di ogni singolo partecipante. Dico PARTECIPANTE perché il branco è formato da persone che PARTECIPANO ad un’azione, con la propria testa e con il proprio corpo. La legge riconosce come AGGRAVANTE il compimento di uno stupro … Continued