#hermanaYoSìtecreo

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Se non ci sono tracce di violenza, lo stupro di gruppo è solo «un abuso» e non un’aggressione sessuale: lo hanno sancito i giudici del tribunale di Navarra il 26 aprile riguardo al caso del branco della festa di San Fermin di Pamplona, che nel 2016 aveva scioccato la Spagna. Scatenando una bufera. La Spagna, due anni dopo, dopo questa sentenza è di nuovo sotto choc: decine di militanti femministe hanno protestato davanti al tribunale gridando «Vergogna», «Non è abuso, è stupro». L’ hastag #Yotecreohermana, ‘Io ti credo sorella’, ci dice questo: che dobbiamo credere a chi denuncia, e semmai vederci dimostare il contrario. … Continua

FIRENZE: LE DOMANDE IN TRIBUNALE CHE CI RIPORTANO AL ‘PROCESSO PER STUPRO’

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Ci era già stato detto che le due studentesse americane che hanno denunciato lostupro a Firenze se l’erano cercata. Il sindaco della città Dario Nardella aveva sottolineato l’importanza per gli studenti stranieri di non considerare Firenze la Disneyland dello sballo mentre un redattore del quotidiano La Croce aveva definito più apertamente le due ragazze delle zoccole. Ma lo stralcio dell’interrogatorio pubblicato dalla giornalista Antonella Mollica sul Corriere della sera ci dice molto di più. Ci dice che ancora oggi nei nostri tribunali per gli avvocati difensori sia rilevante se una vittima di stupro sia fidanzata o meno, se stia assumendo farmaci per problemi ginecologici, … Continua

LA CORTE DI STRASBURGO INTERROGA IL GOVERNO

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. A poche ore dal 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha dato seguito al ricorso di Antonella Penati, mamma del piccolo Federico Barakat, ucciso dal padre durante un ‘incontro protetto’ nella sede dell’asl di San Donato Milanese. La Corte ha inviato al governo italiano tre quesiti in cui chiede se le autorità italiane abbiano tutelato il diritto alla vita del bambino sancito dall’articolo 2 della CEDU (Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo), se abbiano adottato tutte le misure necessarie per impedirne la morte e se le indagini effettuate abbiano … Continua