ma che vuol dire?

images-5post di Beatrice, 21 anni

Domenica ho visto un post su facebook, e mi si è smosso qualcosa nelle viscere (in senso negativo).
Forse non si dovrebbe dare troppo peso alle mille cose che si leggono su FB, ma proprio quando ho riflettuto
sul fatto che le leggono chissà quanti, mi sono chiesta “Ma che ###### vuol dire?”

“Ridate la femminilità alle ragazze, ridategli la timidezza e portatevi via quell’odiosa sfacciataggine.
Ridate la femminilità alle ragazze, insieme alle belle parole e ai bei comportamenti. Ridategli l’educazione e la delicatezza.
Coprite le loro parti scoperte, ridando loro la dignità e la purezza di un viso arrossato, non da un chilo di trucco,
ma dall’imbarazzo che provano in un preciso istante. Ridategli quell’eleganza persa ormai chissà dove, ridategli quella dolcezza che le distingueva dagli uomini.
Riportate le ragazze con i bei capelli che cascano sulle spalle, con il ciuffo fastidioso che scivola davanti la faccia, poco truccata e non sporcata da pennelli
e colori strani sbattuti sugli occhi solo per far scena. Quelle belle ragazze fatte di carne con i bei fianchi, belle da vedere e da toccare,
e non quegli ammassi di ossa che usano intimo imbottito per vantare qualche curva, ormai sinonimo di trasgressione e volgarità.
Ridategli quello che le rendeva diverse l’una dall’altra.
Ridate al mondo le ragazze, e portatevi via quelle bambine che fanno finta di essere signore. (cit. anonimo o non reperibile o boh)”

Molto romantico.
Con odiosa sfacciataggine penso che capisco il timore e l’ansia della persona che ha elaborato
questo pezzo, magari dopo aver incrociato una sedicenne bestemmiatrice con due kg di eyeliner per palpebra.
O magari guardando giovincelle con la Louis Vuitton che si atteggiano a donne vissute.
Ma avanti, non è questa l’adolescenza? Anche mettere un kg di trucco nero
in faccia può avere senso quando hai 15 anni.

E poi si parla di femminilità… di dolcezza. Quella mitica caratteristica che ci permette di non
essere scambiate per un uomo (oltre al trucco s’intende- ma quando la recupereremo potremo
buttare la trousse).

Leggendo questo, la prima cosa che mi è venuta in mente è mia nonna, che il rossetto lo metteva a 20 anni
e che quando si è sposata le è stato vietato usare. Mi viene voglia di mettere la gonna più corta che ho
truccarmi come un arcobaleno e uscire di casa a dire che me ne frego di quanto vi mancano le ragazze, che nessuno
mi dice di scoprirmi se non mi va, che la mia eleganza è soprattutto nei miei pensieri e se mi preferisci pura allora non mi preferisci affatto.

Il pensiero che sta dietro questo scritto lo si può capire, ma perché scriverlo così?
O meglio, il fatto che sia scritto così, cosa significa?

RIDATE alle ragazze… ciò che è delle ragazze.
Ma tenetevelo pure, grazie.

6 Responses

  1. Marta

    Non posso che trovarmi pienamente d’accordo con te e ti farò compagnia con minigonna e eyeliner pesante!
    Ancora una volta la gente, la società, la cultura o chi altro dice come devono essere le donne, come non devono seguire ciò che sentono di essere. Ricordiamoci che esistiamo, prima che come donne e come uomini, come esseri umani! In quanto essere umana io voglio poter essere femminile quanto voglio e nei modi che più rispecchiano la mia personalità. E a questo punto mi chiedo: si può parlare di caratteristiche tipiche – come la dolcezza, l’eleganza, l’educazione e la delicatezza (che tanto esalta e rimpiange l’anonimo su Facebook)- riferendosi alla femminilità? Io credo che forse sarebbe meglio prendere in considerazione caratteristiche soggettive, specifiche di ogni donna, che la rendono femminile in modo diverso.
    Ridate alle ragazze.. la libertà di (scegliere come) essere!

  2. Paolo1984

    ma in effetti ci vedo poco di romantico e parecchio di nostalgico di una fantomatica “età dell’oro” .. in realtà la femminilità come la mascolinità ha tanti volti..e la dolcezza non dipende da quanto trucco ci si mette. Ragazze, siate riservate, siate sfacciate, vestitevi come vi pare,.truccatevi o no..in entrambi i casi siete nel vostro diritto. E per quanto sia complesso e non facile credo che anche nella nostra società per un uomo come per una donna sia possibile, citando Nietzsche,, “diventare ciò che è”

  3. Elena

    Personalmente non voglio che nessuno mi ridia proprio niente, ma voglio riprendermi ciò che mi spetta di diritto, voglio essere libera e voglio che anche le altre donne lo siano.
    Questo augurerei alle mie amiche, figlie, compagne…siate qualsiasi cosa desideriate nel vostro cuore essere, siate libere di essere!

  4. stella

    C’è di peggio.. c’è chi ha il coraggio di scrivere che è colpa del femminismo. A volte non sono ‘anonimi’ ma sono persone la cui opinione finisce sui giornali, che fa notizia:

    ”La famiglia esiste per consentire alle donne di avere dei figli e di avere la protezione dell’uomo che si prende cura di loro”
    Rocco Buttiglione

    Questa è la radice dell’odio verso le donne e a questa giusta emancipazione gli uomini come risposta spesso usano la violenza, come sappiamo.
    Una cosa inoltre orrenda e che sempre si punta l’attenzione solo sulle donne (che agli occhi dell’uomo continuano spesso ad apparire o sante o puttane) e mai alla pochezza maschile.

    • beas

      La purezza e il machismo.
      Perché puttana è sbagliato? Debole è sbagliato?
      E una puttana debole e sporca non viene amata da nessuno?
      Tutte col filo di perle al collo a salvaguardare la dignità delle donne, pensando sotto sotto che “noi qui in prima fila siamo meglio degli uomini e siamo anche meglio delle altre donne”.
      Anche loro entrano nel gioco degli squilibri, tra false emancipazioni, moralismi (senza morale), dignità (senza identità).
      Il femminismo è un po’ come la Bibbia, lo citano tutti ma in pochi sanno di cosa si tratti davvero. (peccato, dico io)

  5. Gregorio

    È una frase stupenda e sono d ‘ accordissimo con tutto ! E se tu non riesci a capire nemmeno il senso della frase , lascia perdere , non è alla tua altezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.