20 novembre

pubblicato in: legge, pedofilia | 0

Oggi è la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. E io vi dico che il processo di appello a Catanzaro si è concluso. La sentenza non è ancora stata depositata ma dalla stampa locale sappiamo che la condanna è stata lievemente ridotta a 4 anni e sei mesi (anzichè 5 anni); pare che l’interdizione del Lamberti dai pubblici uffici sia stata ridotta -anzichè A vita – a 5 anni. Il che significherebbe che un impiegato dei servizi sociali che abusa di una bambina che gli è stata affidata, dopo 5 anni può riprendere il suo lavoro, rientrare nel suo ruolo, in nome dello stato. #notinmyname. Senza la copia della … Continued

un giorno buono

pubblicato in: pedofilia | 0

Ho parlato con Antonio, pedofilo che ha abusato per un anno di sua nipote (dai 12 ai 13 anni). “La vedevo a casa di papà, era una bella ragazza, bravissima a scuola. Si sedeva sulle mie ginocchia e mi raccontava, zio di qua, zio di là, mi voleva bene. Poi ci pensavo. Un giorno dopo pranzo siamo andati in cameretta per guardare la tele. Aveva la tuta da ginnastica. Ho incominciato a toccarla. Mi è venuto spontaneo, a me piaceva solo lei.” (questo l’inizio della sua testimonianza nel libro “Non lo faccio più) La chiama ragazza Antonio, e non si dà pace di aver preso otto anni dopo che lei … Continued

Lui 60 anni, Lei 11 – FIRMATE!

pubblicato in: comunicazione, legge, pedofilia, stupro | 0

Pietro Lamberti, impiegato dei servizi sociali di 60 anni, ha abusato della bambina di 11anni che aveva in affido. Sono stati trovati a letto, nudi. Lui viene condannato a cinque anni in appello ma la Cassazione annulla la sentenza perché accetta un ricorso nel quale la difesa contesta che la Corte non abbia sufficientemente discusso -e motivato- sulle richieste di attenuanti in virtù dell’offerta dei 40.000 euro previsti dalla legge come risarcimento e in virtù della presunta “relazione amorosa” tra i due, essendo la bambina molto affezionata all’uomo che l’ha in carico, come se il fatto di non averla violentata con la forza fisica contasse qualcosa. Il processo d’appello è dunque da … Continued