PERCHÈ L’ 8 MARZO NON È UNA FESTA

Articolo che ho pubblicato sul LetteraDonna/Elle Una parte della popolazione femminile si sta preparando ad un 8 marzo che considera ancora una festa, una serata in cui si può uscire in libertà e fare tardi, inebriate dall’alcool e dall’effetto che fa infilare una banconota nello slip di uno spogliarellista. Ma attenzione: questa data non è una festa ma una giornata di affermazione e di lotta, di scambio, confronti, sostegno reciproco e gioia di ritrovarci unite contro le discriminazioni e le violenze che ancora subiamo dentro e fuori casa e nei luoghi di lavoro. Le attiviste di Non una di meno si mobilitano per lo sciopero nazionale, tante femministe nelle istituzioni e nelle associazioni organizzano iniziative, incontri, manifestazioni di piazza. Manifestazioni necessarie perché sono tanti i problemi che in quanto donne dobbiamo ancora risolvere. E in tanti ad … Continued

PRESA DIRETTA HA SMASCHERATO IL DDL PILLON

articolo che ho pubblicato su Letteradonna/Elle. No divorzio, no aborto, no diritti civili alle persone omosessuali. Questo il disegno che si cela dietro il ddl Pillon, attualmente in discussione al Senato, presentato astutamente come un provvedimento volto a equilibrare l’affido condiviso in caso di separazioni ma che nasconde invece, riga dopo riga, molto altro. Un disegno scritto, come svela l’inchiesta, anche da membri dell’associazione Padri separati, che rivendicano il diritto di vedere i figli anche se genitori violenti, che non vogliono assumersi responsabilità economiche che tengano conto che spesso le ex mogli per prendersi cura dei figli hanno scelto professioni meno impegnative e meno remunerate. Che negano quanto emerge dai dati Istat, ovvero che pur essendoci dei padri … Continued

CONTRO L’INTEGRALISMO SERVE UNA CAMPAGNA COLLETTIVA

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Dopo l’appello della Rete Rebel Network alla sindaca Virginia Raggi si sta valutando la rimozione dei cartelloni giganti esposti a Roma con la scritta «L’aborto è la prima causa di femminicidio» con cui il gruppo integralista conservatore CitizenGo ha strumentalizzato senza pudore il femminicidio per i propri fini propagandistici. Impegnati da anni in campagne contro le donne che negano il diritto di interrompere una gravidanza in sicurezza, nel rispetto del diritto alla salute sancito dalla legge 194, hanno agito senza rispetto per le donne morte di femminicidio, per i loro figli orfani e i loro cari. Nelle loro ‘spiegazioni’ hanno accomunato l’interruzione volontaria di gravidanza … Continued