#Viajosola

pubblicato in: cristinaobber.it, giovani | 1

Avevo 24 anni quando sono partita per un viaggio in Nicaragua. Da sola. Era il 1988 e c’era la rivoluzione sandinista che io seguivo sulle pagine del Manifesto e all’interno di un comitato di solidarietà. Decisi di partire sola perché ero certa che essere sola avrebbe significato immergermi molto più facilmente in una realtà così diversa dalla mia. Volevo capire cosa significasse davvero quella parola, rivoluzione. Partii con in spalla lo zaino con cui mio padre aveva fatto il militare, nei tasconi esterni tubi di latte condensato e vaschette di Nutella. Fu un viaggio importante, formativo sotto tanti punti di vista. Ho imparato cosa vuol dire avere fame, sapere che la … Continued