FIRENZE: LE DOMANDE IN TRIBUNALE CHE CI RIPORTANO AL ‘PROCESSO PER STUPRO’

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Ci era già stato detto che le due studentesse americane che hanno denunciato lostupro a Firenze se l’erano cercata. Il sindaco della città Dario Nardella aveva sottolineato l’importanza per gli studenti stranieri di non considerare Firenze la Disneyland dello sballo mentre un redattore del quotidiano La Croce aveva definito più apertamente le due ragazze delle zoccole. Ma lo stralcio dell’interrogatorio pubblicato dalla giornalista Antonella Mollica sul Corriere della sera ci dice molto di più. Ci dice che ancora oggi nei nostri tribunali per gli avvocati difensori sia rilevante se una vittima di stupro sia fidanzata o meno, se stia assumendo farmaci per problemi ginecologici, … Continua

MI CHIAMO STELLA E LE SCRIVO, PRESIDENTE.

lettera pubblicata su LetteraDonna/Elle. Sabato 25 novembre 2017 sarò a Montecitorio, alla Camera dei deputati, per un evento voluto dalla presidente Laura Boldrini nella Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza maschile sulle donne. Con l’occasione le consegnerò questa lettera di Stella, con preghiera di farla avere al presidente Sergio Mattarella, a cui è indirizzata. La anticipo su LetteraDonna.it perché Stella vuole che le sue parole siano pubbliche, perché sono le parole di tante ragazze che come lei non vogliono smettere di credere nelle istituzioni ma si aspettano un impegno concreto che non hanno visto e il rispetto che non hanno ricevuto. Lettera aperta al presidente della Repubblica Sergio Mattarella Avevo … Continua

NON SIETE PIU’ INTOCCABILI

Articolo che ho pubblicato su LetteraDonna di Elle. Ha 65 anni Biagio Adile, il ginecologo arrestato per aver stuprato una paziente di 28 anni a Palermo. Una prima violenza sessuale si è svolta nel suo studio a dicembre 2016. La ragazza non denuncia, non ne parla con nessuno. Ma Adile persevera e invita la ragazza a presentarsi presso un ambulatorio dell’ospedale Villa Sofia-Cervello di cui dirige l’unità di uroginecologia, dove un suo collega e amico le avrebbe fatto gratuitamente ecografia di cui necessitava. Temendo di subire una nuova violenza, la ragazza predispone il cellulare per filmare l’incontro e il secondo stupro, che come temeva, avviene. Anche in questa storia c’entra … Continua

RIPRENDIAMOCI LA NOTTE

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Questa foto l’ho scattata ieri sera, giovedì 28 settembre 2017 a Milano, in metropolitana. Era passata la mezzanotte, era l’ultimo treno in partenza dalla stazione centrale verso casa. Ero di ritorno da Roma dove avevo partecipato a una riunione alla Camera, e poi alla manifestazione organizzata dal movimento ‘Non una di meno‘. E prima ancora avevo avuto un incontro con altre donne di Rebel Network, la rete di attiviste che ho contribuito a far nascere lo scorso anno. Nelle tre ore del viaggio di ritorno mi ero immersa nella lettura di un libro scritto da una sopravvissuta alla prostituzione. Avevo dunque vissuto una giornata … Continua

1 2 3