Congo, ottobre 2012

postato in: Senza categoria | 0

Lo stupro è stato perpetuato regolarmente durante tutte le guerre, in tutto il mondo, non solo perchè bottino di guerra, ricompensa per i soldati, ma soprattutto come mezzo per umiliare e distruggere psicologicamente il nemico. Dal Ratto delle Sabine alla guerra in Iraq, dai “comfort women” (campi di stupro creati durante la seconda guerra mondiale) fino all’ignominia che si sta perpetuando in Congo, perché questo “nuovo millennio” di nuovo sembra avere ben poco. Il dolore inflitto alle donne è sempre più pesante, più denso, più spaventoso. E’ il dolore di tutte le donne che in ogni guerra muoiono due volte.

post di Ilaria, 20 anni

postato in: Senza categoria | 0

Pochi giorni fa, proprio su facebook mi è capitato di leggere una cosa assurda. Riporto il passaggio principale: “16enne stuprata all’uscita della discoteca alle 5 del mattino. CHE CAZZO CI FA UNA DI 16 ANNI IN GIRO A QUELL’ORA E CI METTO LA MANO SUL FUOCO IMBRIAGA E VESTITA DA TROIA?!? Se io vado in giro nuda, ubriaca e provoco non posso lamentarmi se vengo stuprata. Me la son cercata. Come ha detto ******, ti metti in una situazione di pericolo e lo sai.” Ecco, devo dire che ci sono rimasta davvero male soprattutto per il fatto che una “lei” ha detto questo, una ragazza che probabilmente non ha colto la gravità … Continua

1 6 7 8 9 10 11