MI CHIAMO STELLA E LE SCRIVO, PRESIDENTE.

lettera pubblicata su LetteraDonna/Elle. Sabato 25 novembre 2017 sarò a Montecitorio, alla Camera dei deputati, per un evento voluto dalla presidente Laura Boldrini nella Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza maschile sulle donne. Con l’occasione le consegnerò questa lettera di Stella, con preghiera di farla avere al presidente Sergio Mattarella, a cui è indirizzata. La anticipo su LetteraDonna.it perché Stella vuole che le sue parole siano pubbliche, perché sono le parole di tante ragazze che come lei non vogliono smettere di credere nelle istituzioni ma si aspettano un impegno concreto che non hanno visto e il rispetto che non hanno ricevuto. Lettera aperta al presidente della Repubblica Sergio Mattarella Avevo … Continua

ascolto il rap e penso che

postato in: femminicidio, giovani | 0

ci scrive Oriana, 16 anni, che ha preso un brano RAP e ci ha pensato su: (le frasi tra virgolette sono tratte da una canzone: “Paura, rum e fango” di Maxi B.) Al giorno d’oggi per la violenza sulle donne non ci sono più confini, né geografici né sociali: la riscontriamo nel terzo mondo e nei Paesi occidentali più avanzati. Non ci sono più limiti, si va dagli schiaffi, allo stupro, fino ad arrivare, in alcuni casi, anche all’omicidio. “Le mani addosso ancora, la sua violenza ancora, e ancora, la tua innocenza che ti muore in gola!” Non sempre si denuncia una violenza, a volte la paura si sovrappone alla consapevolezza di … Continua

liberarsi e librarsi

Questa lettera che ho ricevuto è molto delicata. La pubblico perchè me lo ha chiesto M. M. vorrebbe che altre ed altri non aspettassero anni, come ha fatto lei, per capire che nel silenzio il tempo scorre ma non si va da nessuna parte. Cari mamma e papà, è arrivato il momento di rivelare una volta per tutte un mistero che da decenni si è tenuto seppellito che mi ha rovinato l’esistenza, e che per fortuna, grazie all’aiuto di amici e psicologi, sono riuscita a mettere a fuoco, a contenere e ad evitare che questa cosa rovinasse la mia esistenza più di quanto in effetti non abbia già fatto. Nonostante … Continua