LE SCUSE DI VLADIMIR LUXURIA AD ASIA ARGENTO CI METTONO A NUDO

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Nella puntata di Cartabianca del 12 dicembre Vladimir Luxuria aveva confermato all’Italia il suo maschilismo, perseverando nel tentativo di screditare Asia Argento e la sua attendibilità nel denunciare la violenza subita da Harvey Weinstein. Il web, e non solo, si è scatenato e l’ha letteralmente sommersa di critiche, proveniente anche dagli ambienti dell’attivismo Lgbt. Il 17 dicembre però, cinque giorni dopo la triste performance, sono arrivate le scuse e l’autocritica: Luxuria dice di essersi ravveduta dopo aver parlato con una donna che le ha confessato una violenza subita 30 anni prima e di essersi «sentita di merda» di fronte alle sue lacrime. E di … Continua

ASIA ARGENTO E IL CASO WEINSTEIN: NON SAPETE COS’E’ LA VIOLENZA

articolo che ho pubblicato su LetteraDonna/Elle. Non entro nel merito delle carriere delle donne che stanno denunciando Harvey Weinstein. Non mi importa stabilire se avessero o meno avuto successo denunciando prima le violenze. Questa curiosità allontana l’obiettivo da colui su cui dovrebbe rimanere, ovvero l’abusante, l’uomo di potere che in virtù di una posizione di forza agisce violenza psicologica e fisica. Per quanto riguarda Asia Argento, spiace vedere che anche Vladimir Luxuria, che di certo conosce il peso del pregiudizio, sia caduta nella tentazione del dito puntato con quel paternalismo che tanto ci fa sentire migliori. C’è differenza tra l’accettare un corteggiamento o una relazione sessuale per agevolare la propria … Continua